Morto Stalin, se ne fa un altro

Genere: Commedia

Regia: Armando Iannucci
Con: Steve Buscemi, Michael Palin, Olga Kurylenko, Jeffrey Tambor, Jason Isaacs, Simon Russell Beale
2 marzo, 1953. Un uomo sta per esalare l'ultimo respiro. Non è uno come tanti, lui è un dittatore: è Joseph Stalin, il Segretario generale del Partito Comunista dell'Unione Sovietica. Non è ancora morto ma sta per tirare le cuoia, chi lo circonda deve giocarsi bene le carte in vista di quel che sarà "dopo Stalin". Nei giorni successivi al decesso, infatti, i ministri della guardia del corpo di Stalin sono tutti impegnati nella feroce battaglia per ottenere il controllo, alcuni desiderosi di un cambiamento positivo nell'Unione Sovietica, altri con ambizioni più mortali. Ma tutti se la devono vedere con la stessa urgenza: lottare a tutti i costi per rimanere, semplicemente, vivi... Gli ultimi giorni del dittatore sovietico Stalin e il caos scatenato nel Paese dalla sua morte sono i cardini della commedia nera diretta e co-sceneggiata da Armando Iannucci. Una satira sul potere e sui totalitarismi interpretata da un cast internazionale che vanta star come Steve Buscemi (che ricordiamo in sala nel 2017 ne "L'incredibile vita di Norman"), Michael Palin, Olga Kurylenko ("La corrispondenza" nel 2016), Jeffrey Tambor (che ricordiamo nella serie tv "Transparent"), Jason Isaacs ("La cura dal benessere" nel 2016) e Simon Russell Beale ("The Legend of Tarzan" nel 2016)

Questo film non risulta attualmente in programmazione in alcuna provincia.