Chiamami col tuo nome

Genere: Drammatico

Regia: Luca Guadagnino
Con: Timothee Chalamet, Armie Hammer, Michael Stuhlbarg, Amira Casar, Esther Garrel, Victoire Du Bois
È l'estate del 1983 nel nord dell'Italia ed Elio, precoce diciassettenne, trascorre le sue giornate nella seicentesca villa di famiglia trascrivendo e suonando musica classica, leggendo e flirtando con la sua amica Marzia. Elio ha una relazione stretta con suo padre, eminente professore di cultura greco-romana, e con sua madre Annella, traduttrice. Entrambi i suoi genitori lo stimolano con i frutti dell'alta cultura in un ambiente che trabocca di delizie naturali. Mentre la raffinatezza e le doti intellettuali di Elio suggeriscono che è già un adulto a pieno titolo, c'è ancora molto in lui di innocente e immaturo, in particolare per quel che riguarda le questioni del cuore. Un bel giorno nella tenuta di famiglia arriva Oliver, bellissimo ventiquattrenne statunitense e nuovo allievo estivo di suo padre. Tra i due nasce una relazione unica e intensa, che li porta a scoprire l'inebriante bellezza del desiderio risvegliato nel corso di un'estate che cambierà le loro vite per sempre... Luca Guadagnino dirige l'ultimo capitolo della sua "trilogia del desiderio", dopo Io sono l'amore (2009) e A Bigger Splash (2015), è un storia, elegante, sensuale e trascendente, di un primo amore. Basata sul romanzo omonimo di André Aciman, la sceneggiatura del film porta la firma di James Ivory. Presentato in anteprima mondiale al Sundance Film Festival del 2017, il film ha ottenuto tre candidature al Golden Globe 2018. Nel ruolo dei protagonisti troviamo Timothée Chalamet (che ricordiamo ne "Le verità sospese" del 2015) e Armie Hammer ("Mine" nel 2016). Al loro fianco Michael Stuhlbarg (che ricordiamo nella serie tv "Fargo" e in sala nei film "Miss Sloane - Giochi di potere" e "Doctor Strange" del 2016), Amira Casar ("Saint Laurent" 2014) e Esther Garrel ("Marguerite e Julien - La leggenda degli amanti impossibili" nel 2015)